London Calling: scrivere è un viaggio

tubemap-2012-12

Molto spesso si paragona la lettura di un libro a un viaggio: leggere ci permette di allontanarci dalla realtà, di assaporare nuove avventure, “conoscere” nuove persone e visitare posti sempre diversi.

Per me che ho sempre viaggiato poco ma che ho sempre letto molto, i libri sono stati la via di fuga e al contempo il mezzo di trasporto, o per dirla alla maniera dei Red Hot Chili Peppers: “Reading is my aeroplane”.

Da quando ho iniziato a scrivere, ho imparato che anche la scrittura può diventare una sorta di viaggio.
Le sensazioni sono completamente diverse: se dovessi fare un paragone azzardato, direi che leggere è una rilassante ma eccitante traversata oceanica a bordo di un Boeing (che a volte scorre tranquilla e piacevole e a volte è piena di vuoti d’aria), mentre scrivere è più un coast-to-coast, senza rotte segnate, dove a ogni crocevia rischi di sbagliare svolta, ma nel quale sei anche libero di andare dove vuoi, di fermarti, di vagare senza meta (basta che non giri a vuoto per l’eternità, però).

In un’intervista, Garcia Marquez disse che uno scrittore dovrebbe scrivere solo di ciò che conosce.
Visto che io conosco molto poco, in questi pochi anni di esperienza da aspirante scrittrice ho scoperto che scrivere è anche un modo per apprendere molte cose nuove, di documentarsi su ciò che non ci conosce, di esplorare luoghi e argomenti sconosciuti.

Questo processo è forse la parte più bella del creare un romanzo, ma anche la più difficile, e ringrazio soltanto di avere a disposizione uno strumento potente come internet per le mie ricerche (che tutti utilizzano ma che in molti non sanno sfruttare, ma questa è un’altra storia).

Dopo aver condiviso con voi questa riflessione sulla scrittura, vi starete chiedendo: cosa c’entra Londra?
(E no, la bellissima canzone dei The Clash non ha niente a che fare con tutto questo, mi ha solo prestato il titolo)

Il motivo per cui c’entra Londra è  che il mio prossimo romanzo sarà ambientato in questa città.

Londra è una delle mie città preferite ed è anche l’unica città al di fuori dell’Italia che abbia visitato (visitato davvero, non con il mio fedele Google Maps).
Sono passati ben nove anni da quel viaggio, ma porto ancora con me emozioni e atmosfere dei luoghi in cui sono stata e conservo un bellissimo ricordo della città e del suo fascino. Credo che sarà davvero interessante ambientare lì la mia storia.

Visto che ho già iniziato a viaggiare virtualmente per le strade di Londra, mi sono subito fornita di una mappa di The Tube, metropolitana più antica (1863) e più conosciuta del mondo.

Sto pensando di farne una gigantografia e appenderla in salotto, tanto mi piace. 😉

Ps: Domanda per gli scrittori: dove è ambientato il romanzo che avete scritto/state scrivendo/scriverete?
È una città che conoscete bene?
 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...