Cell (2016)

Movie review per voi quest’oggi, cari lettori di Elle di Libri!
Il film è questione è Cell, trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di re Stephen King.

cell-di-stephen-king-trailer-italiano-foto-e-locandina-del-film-horror-con-samuel-l-jackson-1

La trama: Clay Riddell, autore di una graphic novel di successo, si trova all’aeroporto di Boston e sta aspettando l’aereo che lo riporterà a casa da suo figlio dopo più di un anno. Improvvisamente, però, un assordante segnale disturba le conversazioni telefoniche e tutte le persone che sono al telefono impazziscono e iniziano a uccidersi tra loro. I “telepazzi” sono diventati una sorta di zombie, che però cacciano e agiscono in branco, come se le loro menti fossero collegate tra loro nonostante essi non comunichino più con il linguaggio.
Clay si salva per un fortunato caso, e da quel momento inizia la sua fuga con un macchinista di treni, Tom, e la giovane Alice, e insieme cercheranno di sopravvivere all’apocalisse.

Partiamo subito con una domanda (retorica): ma che schifezza è?
Immagino che come esordio sia abbastanza eloquente, ma ora entrerò più nel dettaglio.

Vorrei subito puntualizzare che io non ho letto il libro, quindi per me la storia era completamente nuova. Di King in realtà ho letto ben poco, soltanto un paio di libri che però mi sono piaciuti molto e che mi hanno colpito per la straordinaria capacità di King di delineare i personaggi e di scrivere storie di un certo spessore.
Ora, per quanto la mia conoscenza di questo autore sia molto limitata, mi rifiuto categoricamente di credere che abbia scritto una storia tanto insulsa.

Brutto lo sviluppo della storyline e la sceneggiatura: dopo il boom della scena iniziale, che mi aveva fatto sperare in un film mozzafiato, l’interesse e l’azione sono gradualmente scemati e soltanto un paio di scene sono state degne di nota.

Inoltre del virus non viene spiegato nulla, non si capisce in cosa consista esattamente, se esista una cura, eccetera. Non si capisce chi sia il misterioso personaggio con il cappuccio rosso e non si capisce bene neanche il senso della scena finale, decisamente confusa e incomprensibile (a voler essere gentili).
Procede tutto senza seguire una logica, così, “alla cazzus”.

Forse chi ha letto il libro in precedenza ha trovato il film più interessante, non lo so, fatto sta che come pellicola l’ho trovata davvero mediocre.
Bocciata anche la performance degli attori, piatta come tutto il resto.

Sono curiosa di leggere l’opinione di qualcuno che abbia letto il libro, perciò fatevi sentire!

Alla prossima!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...