Follia, Patrick McGrath

Nuovo anno, nuova vita, nuovi propositi, stessa vecchia passione di sempre: libri, libri, libri.

E così, ora che finalmente la prima lettura del 2017 è ufficialmente conclusa, torno sul blog per condividere con voi la mia prima recensione del nuovo anno.
E’ un periodo in cui, per una serie di impegni e per un mio momento particolare che sto vivendo, ho un po’ messo da parte sia la lettura che la scrittura.
Ho passato diverse settimane senza leggere, cosa che non mi capitava da diversi anni, e durante questo blocco del lettore qualsiasi libro tentassi di iniziare è stato brutalmente abbandonato dopo un paio di pagine, semplicemente perché non si adattava al mio stato d’animo.
Poi ho visto “lui”, in giro per il web, ed è stato amore a prima trama.

Il lui di cui parlo è Follia di Patrick McGrath (ennesimo Adelphi, tra me e questa casa editrice c’è una sorta di attrazione fatale).

e035dfac212cc6411daa2ca64a9a5c53_w190_h_mw_mh

“Raggiunto solo a prezzo di sforzi enormi, l’equilibro psichico di un artista è così delicato che ogni distrazione, ogni interferenza della cruda realtà esterna possono distruggerlo in un attimo: per fare arte bisogna voltare le spalle alla vita”.

Cos’è Follia?

Follia, piuttosto che un romanzo, somiglia alla mera cronaca di una tragedia.
Tragedia che si consuma sotto lo sguardo attento e clinico di Peter Cleave, il narratore, che in quanto amico dei coniugi Raphael e psichiatra di Edgar Stark assiste allo svolgersi degli eventi dalla prima linea.

Dunque, Cleave descrive, nel modo più oggettivo e distaccato possibile, la nascita della distruttiva relazione amorosa tra Stella Raphael, la moglie di un prestigioso psichiatra, e Edgar Stark, un paziente del manicomio dove il marito di Stella lavora, uno scultore internato a seguito di un brutale uxoricidio.

L’amore tra Stella e Edgar nasce come nascono un po’ tutte le storie, per caso. Edgar, in semi-libertà per buona condotta, guida la squadra di lavoro che ha il compito di rimettere a nuovo la serra della villetta dove Stella e suo marito Max si sono appena trasferiti.

In questa prima fase, la follia di Edgar è invisibile sia agli occhi dei lettori che a quelli di Stella che, insoddisfatta della propria vita e alla ricerca di emozioni forti, si innamora gradualmente di questo artista incompreso, tanto che arriva a rischiare la sua tranquillità familiare, la sua posizione sociale e la sua intera esistenza pur di stare con lui.

Le donne romantiche, riflettei: non pensano mai al male che fanno in quella loro forsennata ricerca di esperienze forti. In quella loro infatuazione per la libertà.

Quando Edgar evade dall’ospedale, grazie anche alla complicità più o meno volontaria di Stella, lei decide di abbandonare suo marito e suo figlio per seguirlo, nonostante sia consapevole che per loro due non possa esistere un futuro normale o dignitoso, nonostante sia persino consapevole, probabilmente, che la loro storia sia destinata ad una fine tragica.

La vita era uno squallido baratto, soldi contro tempo. Coi soldi potevano comprarsi un po’ di tempo, va bene, e col tempo che cosa si sarebbero comprati, la possibilità di vedere il loro amore trasformarsi in cenere? 

Eppure, nonostante lo squallore, nonostante la miseria, l’incertezza sul futuro, per un breve periodo Stella crede di essere davvero felice, crede che per il loro amore valga la pena superare qualsiasi cosa, sopportare qualsiasi pena.

Questo, almeno, finché i disturbi psichici di Edgar non iniziano ad emergere in tutta la loro gravità, facendogli vedere cose che non esistono e dando luogo a un’ossessiva gelosia: Stella inizia a temere per la propria vita, scappa, e quando torna (sì, perché nonostante tutto torna anche) non lo trova più.

Al suo posto trova le guardie, che la riportano a casa da suo marito e da suo figlio, al sicuro in una vita che però non le appartiene più.

E’ forse in questo momento di assoluto smarrimento che inizia la discesa di Stella verso la follia, che culmina con l’episodio (che non vi spoilero, perché è probabilmente l’unico che si possa definire colpo di scena in tutto il libro) che la porterà ad essere internata a sua volta e a venire affidata alle cure di Cleave.

Da questo punto in poi emerge chiaramente un altro elemento chiave della storia che finora si era intuito soltanto vagamente, elemento che mina la narrazione alle fondamenta e ne mette in dubbio tutta la veridicità, ovvero l’ossessione che Cleave nutre nei confronti del suo paziente Edgar Stark.

Cleave è ossessionato da Edgar forse persino più di Stella: per lui il suo paziente è un rompicapo da risolvere a qualsiasi costo, e non si fa scrupoli a vivisezionarlo metaforicamente per arrivare a capire quali pensieri gli passino per la testa, per arrivare a comprenderlo fino in fondo.

Persino l’interesse che Cleave nutre per Stella nell’ultima parte, più che mosso da un sincero affetto verso di lei, sembra piuttosto frutto della traslazione dell’ossessione per lei da Edgar a se stesso: per Peter, Stella non è altro che un trofeo, il simbolo di un magro successo che egli è riuscito a ottenere in quella sua lotta invisibile con Edgar, macabramente simile, a livello di significato, alle teste che Edgar scolpisce.

Successo che, infine, Stella neanche gli concede, concludendo la vicenda in quello che secondo me era l’epilogo prevedibile sin da principio.

Ad ogni modo, secondo me è proprio nel parallelismo Cleave-Stark, in questo doppio filo di ossessioni in cui sembra quasi che i ruoli si confondano l’uno con l’altro, che si concretizza il senso finale di questo romanzo: che il confine tra follia e sanità mentale, o tra amore e follia, è sempre più labile di quanto si immagini.

Se cercate un romanzo ricco di eventi e dalla narrazione corposa, farete meglio a cercare altrove.
Sebbene infatti lo stile di McGrath sia notevole, pulito e scorrevole, la narrazione di Follia è monocorde, scevra da sentimentalismi vari, quasi una cronaca più che un romanzo.

La lettura nel complesso mi è piaciuta, anche se non mi ha entusiasmato. Se devo dare un giudizio a caldo, direi che è uno di quei libri che si leggono con piacere ma che di certo non ti sconvolgono la vita, ecco (e a trovarne di libri così, ultimamente).

Ad ogni modo, sono grata a questo libro perché ha interrotto il mio blocco del lettore, quindi spero di tenervi a breve compagnia con altre recensioni!

Alla prossima!

-elle-

Annunci

One thought on “Follia, Patrick McGrath

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...